foto1
foto1
foto1
foto1
foto1

Dino Vaccaro

impressioni della memoria



LINK




















WIKIPEDIA

VISITATORI

101460
Your IP: 54.198.55.167
Server Time: 2018-10-20 21:54:37
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
                                
                             
                                   I MANISCALCHI
 
                                                                                     (La putia di li mastri)

                                                                          50 x 70 olio/acrilico su tela



Commento dell'autore:

I maniscalchi di via Salerno, Nino Perzia e Nino Mamo, i due fabbri a suo tempo chiamati anche ferrascecchi, per noi ragazzi vedere forgiare il ferro e ferrare i muli e gli asini era uno spettacolo indescrivibile, ricordo che ci forgiavano la punta della strummula, appena forgiata ancora calda la infilavano nella sfera di legno (che era costruita dal falegname Vincenzo Schiurba) e nasceva la strummula... questo quadro e' dedicato ad Antonino Mamo e Antonino Perzia, persone a cui ero molto legato per la loro professione e il loro carattere e di amicizia tra le famiglie.                                                                                                                                                                                                       Dino Vaccaro
 

Questo quadro dal titolo La Bottega dei Maniscalchi, apre la serie che l’artista Vaccaro dedicherà all’importanza dei mestieri di una volta.

Con un approccio infantile, una rappresentazione favolistica della realtà, piena di dettagli e di elementi decorativi, con la mancanza di regole stilistiche e pittoriche, quale la pittura naif, Dino vuole, ancora una volta sottolineare l’importanza dell’attaccamento alle tradizioni. Al contrario però degli artisti autodidatti che dipingono per sé stessi, per il loro bisogno di esprimersi, Dino sente forte la necessità di far conoscere alle nuove generazioni i mestieri perduti.

La Bottega dei maniscalchi si può paragonare a quella che oggi potrebbe essere un’autofficina e il blu delle tute dei ferracavaddri ricordano quelle dei meccanici di oggi.

I colori forti ne rappresentano la fatica  Angela Chiazza

 


a putia di li masci
la chiama lu pitturi Dinu di Chiancana;
la forgia, di don Ninu
e di atri firrara, a lu paisi mia si dicia.
La forgia presto rapia, lu caminu
s’sddrumava e lu fiarru ni lu carbuni ruventi 
s’infilava e s’ammanzava.
Caudu di la forgia niscia, lu firraru,
cu la so arti, lu modellava e li cosi
in fierru battuto facia.
Cosi pi la casa e pi la campagna:
li chiavi, l’aratru, lu tridenti, lu canciddru.
Prima di lu scurari, lu viddranu s’arricuglia,
lu mulu o la imenta firrari avia.
Lu firraru lu fadali si mittia, supra lu inuacchiu,
La amma di lu mulu appuiava 
e lu firru ni li zuacculi ci chiantava. 
Attenzioni avia a fari, picchì
lu mulu si putia appagnari, putia caciari
e all’atru munnu lu firraru mannari!
L’armali si firrava pi megliu caminari
e ni la terra travagliari: attaccatu a l’aratru
la terra pi la simina rapia e lu so pedi
libertà di caminari supra la crita avia.
La forgia niura era e lu firraru si mascariava:
un pupu niuru paria!
Ora la forgia muriu, lu mulu scumpariu,
l’aratru ni lu museu trasiu
e la civiltà cuntadina finiu.
A nuatri lu duru compitu di ricurdari!
E pi cu si voli mascariari?
C’è lu rimel, lu mascara,
l’abbrozzanti e la lampada sulari.
E si sti cosi costanu assai? C’è sempri
Carnilivali ca ti po accuntintari! 
M.V.
Michele Vilardo.

Banners

Antipixel Altervista